Lettere 25-03-2017

Egregio direttore,
sono un villeggiante ormai quasi residente, vengo a Silvi dal lontano 1983 e sono molto rammaricato purtroppo quando vedo che in questo paese succedono cose che in altri paesi non si permettono nemmeno di pensare. La scelleratezza che le volevo far notare riguarda la zona nuova delle Dune e precisamente in via Adige in prossimità della spiaggia. In quella zona “case permettendo” si è avuta la bella accortezza di realizzare un bellissimo marciapiede sul mare cosa che a Silvi purtroppo è sempre mancato, ma ho notato che in prossimità della rotonda lo stesso è stato interrotto da una specie di isola limitata da delle sfere metalliche nonché il tutto chiuso da una barra come se li ci fosse un discorso di proprietà delle Dune. Siccome so che lei e molto attivo sul territorio, le chiedo gentilmente, visto da che mondo è mondo, i marciapiede servono ad uso esclusivo per i pedoni, se può segnalare la presente corredata da opportune foto in modo che l’amministrazione possa ripristinare il suddetto marciapiede alle funzioni che le sono consone in un paese civile. Caro direttore il problema penso che sia il fatto di aver chiuso impropriamente un pezzo di marciapiede con sfere limitatorie e barra a quale scopo? Mi auguro che non ci sia la scellerataggine di aver creato un posteggio privato per macchine su un posto dove debbano passare i pedoni. La ringrazio per l’attenzione (a.i.)

Gentile lettore,
credo di poterla tranquillizzare riferendole che sono andato a verificare in loco come stanno le cose. A me pare che il posizionamento delle sfere a terra siano l’esatto contrario di quanto lei teme e siano proprio il segno evidente che sulla meravigliosa passeggiata a mare delle Dune la proprietà non vuole che passino o sostino le autovetture. Per quanto riguarda la sbarra posta davanti allo stabilimento balneare antistante l’elegante quartiere residenziale, per quello che mi è dato di capire dall’indicazione del “passo carrabile” autorizzato fin dal 1996, il suo posizionamento si prefigge di mantenere il divieto di accesso e di sosta delle auto in quella striscia di marciapiede che porta al Lido, consentendo solo il transito momentaneo di mezzi per lo scarico e carico di merci. (fc)